Cucire il dialogo

valorizzare la creatività educando al riciclo

Borse e gioielli sono gli oggetti che verranno prodotti partecipando ai laboratori di Cucire il dialogo. Le borse saranno create utilizzando abiti usati secondo una metodologia già sperimentata e molto coinvolgente; i gioielli verranno realizzati a partire da materiali e oggetti di scarto in laboratori che prevedono la partecipazione congiunta di bambini e adulti (genitori o nonni) per confrontarsi e lavorare insieme esprimendo tutta la propria creatività.

Tra le attività previste anche la presentazione del progetto Gis Gis realizzato dall’Associazione Sunugal per la valorizzazione della sartoria artigianale senegalese.

Disegnare il dialogo

sculture e disegni dalla fantasia dei bambini

Fiumi d’acqua di collage polimaterici, mitici alberi africani plasmati con carta e addobbati con fiori, le maschere degli spiriti della savana ritagliate e animate attraverso mani e volti dei piccoli partecipanti ai laboratori. Un lavoro da fare insieme, aiutati da un educatore-artista burkinabe, attraverso cui sensibilizzare i bambini sulle potenzialità dei materiali di scarto e stimolare la loro creatività.

La piroga dell’Associazione Sunugal, presente nel piazzale della Fabbrica del Vapore, è invece la protagonista del laboratorio dove le tecniche del collage ricorderanno in quanti modi è possibile disegnare le forme.

Le sculture e i disegni dei bambini saranno fotografati e caricati sulla piattaforma web del Fabbrica del Dialogo dove sarà possibile votare il più creativo. L’azione è realizzata grazie alla collaborazione con Noi Far.

Abitare il dialogo

un momento di gioco e confronto sull’uso degli spazi pubblici

Laboratori e incontri per adulti e bambini dedicati ai luoghi dell’abitare.

I più piccoli, aiutati dagli animatori, saranno chiamati a raccontare i loro luoghi dell’abitare – reali ed ideali – e, con materiali di riciclo, a costruirne dei modellini e a ricavarne una storia da animare insieme attraverso la tecnica del passo-uno.

Gli adulti invece, a partire da alcune buone pratiche (Milano, Vienna, Berlino), daranno luogo ad un confronto interattivo sui modelli abitativi e sul valore e le potenzialità della co-abitazione. L’azione è realizzata in collaborazione con ASF.

Suonare il dialogo

costruire il dialogo al ritmo del DJ!

Suonare il dialogo prevede workshop musicali su dJing e rap rivolti a DJ e rapper principianti che potranno, grazie all’approfondimento delle varie tecniche – mixaggio, scrittura… – esprimere e condividere al meglio i propri gusti musicali. Inoltre contest serali aperti al pubblico con DJ e rapper esperti, sfide live e votazione dei mix sulla piattaforma web, proclameranno i vincitori che si esibiranno in un DJ set finale a conclusione del progetto.

Cucinare il dialogo

il dialogo vien mangiando

Workshop dedicati allo scambio interculturale delle tradizioni culinarie, alla cultura del cibo e della sostenibilità dei consumi, officine gastronomiche e laboratori sull’alimentazione condurranno i partecipanti a scoprire le origini e le caratteristiche di alcune specialità.

Tra le attività previste la presentazione della raccolta di ricette senegalesi e il progetto Pane Migrante realizzato in Senegal e in Guinea dall’Associazione Sunugal e la presentazione di Cuciniamoci il futuro: ricettario per convivere edito da Suq Genova.

Recitare il dialogo

tutti in scena per l’intercultura

Gli stage teatrali sono il cuore di Recitare il dialogo. Tra gli obiettivi realizzare visite teatralizzate al Museo delle Culture, Fabbrica del Vapore e in altri luoghi della cultura milanese; ed inoltre di produrre un vero e proprio spettacolo dedicato alle tematiche interculturali. Infine una Call rivolta a giovani compagnie teatrali della scena indipendente milanese/lombarda, premierà uno spettacolo selezionato attraverso l’invio di materiale video.
Durante il Suq alcune prove aperte consentiranno a tutti di prendere contatto con le tecniche della messa in scena.